Lo squalo capopiatto: ecco un pesce forgiato da Madre Natura

by aletave on

Madre Natura ha creato delle creature molto particolari e le ha messe sulla Terra, nei cieli e in mare dando loro un’occasione unica di riprodursi ed evolversi nel tempo. Una di queste è senza dubbio lo squalo capopiatto, come abbiamo appreso dal sito Colapisci.

Classificazione

Il capopiatto o notidano è uno squalo che appartiene al gruppo sistematico degli Hexanchiformi, che sono caratterizzati dalla presenza di sei o sette fessure branchiali ai lati del capo rispetto agli altri raggruppamenti che ne hanno 5 su ogni fianco della testa. Inoltre, è conosciuto scientificamente con il nome di Hexanchus griseus.

Il corpo

Il suo corpo è allungato e robusto, ma compresso dopo le pinne ventrali. La sua pelle è piena di denticoli dermici a tre punte. C’è anche la linea laterale (è un sistema sensoriale per individuare le prede a chilometri di distanza) che è visibile come una striscia biancastra che parte dalla prima apertura branchiale e arriva fino all’inizio della caudale.

Ecco il capopiatto o notidano.

La parte anteriore del capopiatto o notidano (foto da Colapisci).

La testa è schiacciata, il muso è corto, le narici sono piccole e gli occhi sono grandi e ovali. Inoltre, la bocca è ampia e i denti variano tra 32 e 40 e sono disposti in due o tre serie: quelli della mascella superiore hanno una punta acuminata rivolta indietro.

Il notidano o capopiatto.

La parte posteriore del capopiatto o notidano (foto da Colapisci).

La pinna dorsale è piccola, unica e in posizione arretrata e alla sua fine inizia l’anale. La caudale è grande (è circa un terzo della lunghezza di tutto l’animale) e robusta, le pettorali hanno la base ampia e le pelviche hanno i margini uniti nelle femmine e separate nei maschi.

La colorazione

Il colore del corpo di questa specie è grigio tendenzialmente, che diventa più scuro sul dorso e più chiaro sui fianchi e sul ventre, mentre gli occhi hanno l’iride verde-glauco.

Le dimensioni

Le femmine sono più grandi dei maschi e arrivano anche ai 5 metri di lunghezza e a ben 7 quintali di peso. I piccoli appena nati si mantengono tra 40 e 60 centimetri di lunghezza.

Riproduzione e alimentazione

Le femmine di notidano o capopiatto partoriscono da ottobre a maggio nidiate con anche 100 piccoli! Questo squalo mangia pesci, crostacei e suoi simili morti a volte.

Habitat e distribuzione

Ama i fondali tra i 100 e i 2000 metri, ma si avvicina alla superficie e alla costa in profondità tra 10 e 20 metri. La specie è molto comune sul versante occidentale del nostro Paese, ma è raro nel mar Adriatico.

Non è pericoloso per l’uomo ed è una specie che gli scienziati ritengono primitiva per la presenza di 6 fessure branchiali su ogni lato del capo, mentre gli altri squali ne hanno 5 e sono considerati più evoluti: infatti, secondo gli esperti il numero di queste strutture è diminuito nel corso dell’evoluzione di questi pesci cartilaginei.

Lo squalo capopiatto o notidano è un pesce dalle caratteristiche uniche e dall’aspetto molto bello e che lo rende affascinante.

Cosa ne pensate? Vi piace?

Written by: aletave

Svolge attività di blogger e copywriter presso Search On Media Group.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *